lunedì 28 luglio 2014

Pane cotto in pentola


Una delle prime cose che mi ero ripromessa di fare nella meravigliosa pentola ovale in ghisa Le Creuset! A dire il vero, sono oramai alcuni mesi che utilizzo la pentola per questo pane di semplice esecuzione e, senza contare i tempi di lievitazione, pratico e veloce!
Oggi finalmente riesco a mostrarvi il bel risultato ottenuto!
La ricetta è tratta integralmente dal blog Testarda della mia bravissima amica Luciana!





Pane senza impasto

Ingredienti:
  • Farina (qualsiasi) 430 g (io, metà 00 e l'altra metà 0)
  • Acqua 345 g
  • Lievito di birra secco 1 g
  • Sale 10 g
  • Una pentola di ghisa con coperchio oppure una qualsiasi adatta a mettere in forno.
Procedimento:
Si mettono tutti gli ingredienti in una ciotola capiente e si mischia velocemente con le mani.Si otterrà un impasto molto morbido.
Coprire la ciotola con pellicola e mettere da parte a lievitare.
I tempi di lievitazione sono,dopo il primo impasto,di 12/18 ore a temperatura ambiente quindi si presta ad essere preparato la sera per poi essere cotto la mattina seguente. 

Trascorso il tempo necessario avremo ottenuto un impasto bolloso e molliccio.
Adesso si versa l'impasto su un piano infarinato e si fa un folding acchiappando il bordo dell'impasto come nel video che invito a vedere perché molto importante. 
Prepariamo il tovagliolo cosparso di crusca e ci mettiamo sopra l'impasto con le pieghe del folding in giù , cospargiamo con altra crusca, chiudiamo il tovagliolo e lasciamo lievitare altre 2 ore con sopra una ciotola a campana.
Prima della fine delle due ore accendiamo il forno a 250° con dentro la pentola ed il coperchio che servirà per la cottura del nostro pane. 

Trasferire,capovolgendo come nel video, l'impasto nella pentola rovente,  mettere il coperchio e far cuocere per 30 minuti dopodiché scoperchiamo e finiamo di cuocere abbassando a 220° la temperatura finché di un bel colore (circa 15 min.) 
Sfornare e lasciare raffreddare. 


12 commenti:

  1. Assunta il tuo pane ha una mollica favolosa! Una pagnotta gustosa e fragrante...sei brava nel dolce e nel salato ed ogni volta che vengo a "casa" tua imparo cose nuove...baci e buona settimana.

    RispondiElimina
  2. Io ogni volta che lo preparo (mi sono anche comprata tempo fa il libro di Jim Lahey e ho provato varie versioni e varie farine. E ogni volta rimango stupefatta per la meravigliosa alveolatura di questo pane. Pure nel periodo di "scansafaticaggine" è perfetto! Ti è venuto un incanto. Sarà merito di quella splendida pentola??? Abbraccio Assunta

    RispondiElimina
  3. Quella fetta è invitante.
    Da provare questo pane.

    RispondiElimina
  4. Che bel pane! Lo voglio provare anche io ^^

    RispondiElimina
  5. Devo decidermi a provare anch'io questo pane, perché a giudicare dalla foto si ottiene un risultato eccezionale con uno sforzo minimo. Quella mollica ben alveolata e la crosticina croccante mi mettono una fame...
    Giulia

    RispondiElimina
  6. quella fetta di pane con su il filo d'olio...me la mangerei in questo istante!!! sto salivando come un lama ^_^. Complimenti: è venuto benissimo!!!!!!!!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Bella bella!! ma che soddisfazione quando si apre il coperchio, vero?

    RispondiElimina
  8. La pentola celllò...quindi non mi resta che provare! Ma tutto sai fare??? Tutto!! Un bacio

    RispondiElimina
  9. uno spettacolo mamma mia devo provarlo assunta sei un fenomeno

    RispondiElimina
  10. Complimenti bello il tuo pane!

    RispondiElimina
  11. Questa tecnica, se non erro, è stata messa a punto da un panettiere americano e mi son sempre ripromessa di provare a fare anch'io il pane, solo devo procurarmi la pentola adatta. Ti è venuto veramente bene! Buona domenica

    RispondiElimina