lunedì 17 novembre 2014

Torta di castagne e cioccolato


Trovo che non ci sia frutto più buono e che rappresenti meglio la stagione autunnale, 
sia che vogliate utilizzarlo per preparazioni dolci, sia per gustosi ed appetitosi piatti salati!
Per la ricetta di oggi, avrete bisogno di una buona dose di pazienza, so che pelare castagne, non è certo l'attività più divertente di questo mondo! :D
Ma sono sicurissima che il risultato finale vi ripagherà del noioso compito!
D'altra parte, chi non conosce il paradisiaco connubio castagne/cioccolato?




Torta di castagne e cioccolato
Ingredienti

Pasta frolla
375 g di farina 00
180 g di burro
100 g di zucchero a velo
25 g di miele d'acacia
1 uovo + 1 tuorlo
scorza di 1/2 limone grattugiata
1/2  baccello di vaniglia
un bel pizzico di sale

Crema di castagne e cioccolato
800 g di castagne
100 g di zucchero
300 ml di latte
250 g di cioccolato fondente
4 cucchiai di panna liquida
2 cucchiai di Rum

Lavorate il burro morbido con lo zucchero, il miele  e gli aromi. Aggiungete l'uovo intero,  il tuorlo e il sale, incorporate la farina e il lievito setacciati. Amalgamate rapidamente il composto, formate una palla e trasferite in frigorifero  per almeno un'ora.

Lessate  le castagne, sbucciatele e passatele al passaverdura. Mettete il passato in una pentola, unite il latte e lo zucchero, mettete sul fuoco e fate cuocere, mescolando spesso, per 10 minuti. Senza togliere dal fuoco, unite il cioccolato spezzettato e proseguite la cottura per altri 10 minuti. Togliete dal fuoco, unite la panna e il Rum, mescolate e lasciate raffreddare.

Stendete un primo disco di pasta frolla allo spessore di 3/4 mm e rivestite uno stampo di 22/24 cm di diametro bene imburrato, bucherellate il fondo e versate il ripieno. Stendete ancora un dico di pasta frolla della misura che servirà a coprire il ripieno e bucherellatelo con un piccolo stampino per biscotti. Sollevate la sfoglia delicatamente, mettetela sul ripieno sigillando bene i bordi. Trasferite la teglia in forno e lasciate cuocere per circa 45 minuti a 180°C. Servite il dolce dopo averlo lasciato raffreddare.



martedì 11 novembre 2014

Pizza di scarola

Oggi ritorno ai miei amati lievitati con una ricetta della tradizione napoletana,  sicuramente una delle più diffuse ed apprezzate! 


Pizza di scarola
Ingredienti
500 g di farina per pizza
280 g di acqua
15 g di lievito di birra fresco
50 g di olio e.v.o.
8 g di sale

Per il ripieno
800 g di scarola liscia già pulita
170 g di olive di Gaeta
una manciata di capperi sotto sale
40 g di pinoli
5/6 filetti di acciughe sotto sale
5 cucchiai di olio e.v.o.

Preparazione
Disponete la farina a fontana in un ampia ciotola, mettete nel mezzo il lievito sbriciolato e versate a filo parte dell'acqua. Mescolate, aggiungete l'olio e il resto dell'acqua in cui avrete sciolto il sale incorporandoli man mano. Trasferite il composto sul piano di lavoro ed impastate ancora fino ad ottenere  una palla liscia ed elastica. Mettete l'impasto in una ciotola, coprite con pellicola alimentare e ponete a lievitare per poco più di un'ora.

Lessate la scarola in acqua non troppo salata per 5 minuti. Mettete 5 cucchiai di olio e.v.o. in un largo tegame sul fuoco, aggiungete i filetti di acciuga e la scarola sgocciolata. Unite le olive, che avrete provveduto a snocciolare in precedenza, e i capperi privati del sale. Lasciate sul fuoco fino a quando tutto il liquido si sarà prosciugato. Assaggiate il ripieno, se necessario unite un pizzico si sale. Lasciate raffreddare.

Riprendete l'impasto e tiratelo in 2 dischi, uno poco più grande dell'altro. Ungete una teglia di 24 cm di diametro,  rivestitela con il disco di impasto più grande e versate il ripieno. Tostate i pinoli in un padellino antiaderente e distribuiteli sulla scarola. 


Ricoprite con il secondo disco di impasto, sigillate la pizza con pellicola alimentare e lasciate lievitare. Spennellate la superficie con olio e.v.o. e trasferite in forno caldo a 180°C per 40 minuti. 


Stampo a cerniera Le Creuset

venerdì 7 novembre 2014

Torta salata di verza e pancetta in crosta di riso e Gruyère


Non sono mai stata una persona dai gusti difficili, mai fatte storie sul cibo, nemmeno da bambina!
Adoravo mangiare di tutto, specialmente i piatti legati alla tradizione Cilentana e a quella Campana in generale che mia madre, di origini napoletane, era solita preparare. Il suo riso con la verza, caldo, gustoso e avvolgente, mi è rimasto nel cuore! E allora mi son detta:  perchè non elaborare un piatto che contenesse entrambi gli ingredienti? L'idea della crosta, l'ho presa su un vecchio numero di "Cucina no problem", facilissimo è stato pensare al ripieno! Il formaggio Le Gruyère DOP , quello senza buchi da non confondere con l' Emmentaler che invece i buchi ce li ha, insaporisce in maniera meravigliosa sia la crosta che il ripieno di questa gustosa torta salata! Io vi incito a provarla, so che non ve ne pentirete!


Torta salata di verza e pancetta in crosta di riso e Gruyère

Ingredienti

Per la crosta di riso e Gruyère

100 g di Riso originario
75 g di Le Gruyère DOP grattugiato
1 albume

Per il ripieno

500 g di verza già mondata
100 g di panna fresca
1 scalogno
60 g di Le Gruyère DOP grattugiato
100 g di pancetta tesa
1 uovo
4 cucchiai di olio e.v.o.
sale e pepe q.b.

Preparazione
Lessate il riso in abbondante acqua salata per 15 minuti, scolatelo e passatelo sotto un getto d'acqua fredda. Fatelo sgocciolare bene e mettetelo in una terrina, mescolatelo con l'albume e il Gruyère grattugiato.  Rivestite il fondo di uno stampo a cerniera antiaderente di 20 cm di diametro con un disco di carta forno. Imburratelo abbondantemente, versate il riso e, con l'aiuto di un cucchiaio, distribuite il composto sul fondo e lungo le pareti dello stampo. Trasferite in forno a 180°C per 15 minuti. 


Intanto che la crosta cuoce, preparate il ripieno:
In un tegame con l'olio, fate imbiondire lo scalogno tritato. Aggiungete 50 g di pancetta tagliata a dadini, lasciate rosolare qualche istante poi, unite la verza tagliata a listarelle e fatela appassire a fuoco moderato per circa 15 minuti. Battete l'uovo con la panna e il Gruyère, aggiustate di sale ed unite un pizzico di pepe.

Ritirate la crosta di riso dal forno e riempitela con la verza, versate la miscela di uovo e panna e ricoprite la superficie con il resto della pancetta tagliata a pezzetti.

Trasferite la torta salata in forno e lasciate cuocere per circa 30 minuti alla temperatura di 180°C.
Sfornate e lasciate assestare nello stampo per 15 minuti prima di trasferirla delicatamente nel piatto di portata.


Con questa ricetta partecipo al Contest #noiCHEESEamo! Organizzato da Formaggi Svizzeri in collaborazione con il blog Peperoni e Patate


giovedì 6 novembre 2014

Taste & More n.11

Buongiorno, amici!!
Siete pronti ad immergervi nella lettura del nuovo numero di Taste & More?
Come sempre, tantissimi i temi in cui spaziare e tantissime le proposte allettanti da non perdere!
 A qualsiasi cosa voi vi stiate dedicando in questo momento, mettetela  da parte  e lasciatevi trasportare in questo bellissimo "viaggio" culinario! 


Per sfogliare la rivista cliccare sull'immagine


martedì 4 novembre 2014

Tortino caldo alle mele annurche e more

Un profumo travolgente e una consistenza deliziosa, molto simile ad un clafoutis, vi conquisteranno al primo assaggio...e un solo tortino non vi basterà!

Ma d'altra parte, come potrebbe essere diversamente se nei miei tortini ho inserito quella che viene definita la "regina delle mele"?