Fiore di brioche all’Emmentaler

by Assunta Pecorelli
Il mio amore per i lievitati, ha radici lontane. Tutto merito della mia nonna, di origini napoletane, che ha vissuto nella mia famiglia gli ultimi venti anni della sua vita. Sulla mia tavola, non sono mai mancate pizze di ogni genere, calzoni, babà, casatielli, graffe
Ancora vivido è il ricordo delle sue mani che manipolavano impasti sul grande tavolo di legno infarinato. Ed io, con occhi adoranti,   rapita dai suoi movimenti, non potevo fare a meno di pensare che tutto quello a cui assistevo, era pura magia! L’occasione di rispolverare questi cari e vecchi ricordi, me la da il bellissimo contest #noiCHEESEamo, organizzato per il terzo anno consecutivo da Formaggi svizzeri in collaborazione con il blog Peperoni e patate. Ho scelto l’Emmentaler per  farcire il mio fiore di brioche, quello con i buchi per intenderci, ed ho preferito non utilizzare nessun altro ingrediente  che ne sovrastasse il sapore. Questo il sito da cui ho tratto l’ispirazione per dare la forma al mio lievitato
 
FIORE DI BRIOCHE ALL’EMMENTALER
Ingredienti
250 g di farina 00
250 g di farina manitoba
125 g di latte
125 g di acqua
25 g di zucchero
1 uovo
50 g di burro morbido
10 g di sale fino
12, 5 g di lievito di birra fresco
150 g di Emmentaler  DOP
1 tuorlo + qualche goccio di latte per spennellare
Preparazione
Sciogliete il lievito nel latte ed acqua leggermente intiepiditi, unite 200 g di farina e ponete a lievitare fino al raddoppio. Versate nell’impastatrice buona parte della farina, aggiungete il lievitino e mescolate. Unite l’uovo, lo zucchero e tutta la restante farina. Lavorate fino ad ottenere un impasto perfettamente amalgamato.  Incorporate il sale e poi il burro in 2 riprese, proseguite la lavorazione fino a quando quest’ultimo risulterà completamente assorbito e l’impasto si presenterà ben incordato, liscio ed elastico. Trasferite l’impasto in una terrina leggermente imburrata, coprite con pellicola alimentare e lasciate lievitare per un’ora e 30 minuti.

Versate l’impasto sulla spianatoia leggermente infarinata. Dividetelo in 9 parti, arrotondate ogni pezzo e lasciate riposare coperto con un panno per 15 minuti. Stendete un primo pezzo di impasto, ricopritelo con un poco di formaggio Emmentaler precedentemente grattugiato nell’apposito attrezzo a fori larghi. Stendete un secondo pezzo di impasto, ricoprite con il formaggio, ripetete la stessa operazione ancora una volta e terminate con un quarto pezzo di impasto. Coprite con un panno e lasciate riposare 15 minuti.

 

Con il matterello, stendete i pezzi di impasto in un unico disco di 24 cm di diametro. Con un coltello ben affilato, praticate 8 tagli partendo dal centro fino ad arrivare a 2 cm dal bordo ottenendo altrettanti triangoli.  Praticate ancora un  taglio all’interno di ogni triangolo. Trasferite delicatamente in una teglia di 24 cm di diametro rivestita con carta forno. Sollevate la punta di ogni triangolo e fatela passare attraverso la fessura centrale.

Sollevate ogni triangolo e rivoltatelo verso il bordo dello stampo. Stendete altri 4 pezzi di impasto e ripetete le stesse operazioni: stendeteli e  ricopriteli con il formaggio, sempre ricordandosi di non mettere formaggio sul quarto disco. Stendete anche questi in un unico disco di 24 cm di diametro. Tagliate in 8 spicchi, questa volta di netto, e praticate un taglio all’interno di ognuno. Fate come sopra, prendete la punta del triangolo e fatela passare nella fessura centrale.

Prendete ogni pezzo e mettetelo nello stampo, tra un triangolo e l’altro. Prendete l’ultimo pezzo di impasto rimasto e posizionatelo al centro dello stampo.

Coprite e lasciate lievitare fino al raddoppio. Preparate una miscela con il tuorlo d’uovo e qualche goccio di latte, spennellate uniformemente la brioche e trasferitela in forno preriscaldato a 170° per circa 40 minuti. Coprire la superficie con alluminio se  dovesse scurire troppo. Utile la prova stecchino.
Con questa ricetta partecipo al Contest #noiCHEESEamo! Organizzato da Formaggi Svizzeri in collaborazione con il blog Peperoni e Patate

 

 

You may also like

16 comments

Romina Troncone 28 Ottobre 2014 - 8:34

Assunta la tua brioche è una vera delizia! Un bacio

 
Reply
Il Chicco e la Spiga 28 Ottobre 2014 - 11:54

Straordinariamente BRAVA!!!
Grande sensibilità e manualità con tutti i lievitati….resto sempre piacevolmente stupita con te.
Un abbraccio.
Anna

 
Reply
Michela Sassi 28 Ottobre 2014 - 12:10

Un capolavoro, non posso che ammirarlo e ammirarti!

 
Reply
paola 28 Ottobre 2014 - 14:07

bellissimo questo grande e ricco fiore,brava

 
Reply
Batù Simo 28 Ottobre 2014 - 14:34

senza parole!

 
Reply
Fr@ 28 Ottobre 2014 - 14:48

Che meraviglia!
Resto sempre senza parole davanti alle tue creazioni.

 
Reply
Claudia Pane 28 Ottobre 2014 - 16:16

Una bellissima brioche, complimenti! Anche io sono senza parole 😀 😀

 
Reply
Arianna Frasca 28 Ottobre 2014 - 16:16

Bellissima!! E che buona deve essere!

 
Reply
Damiana 28 Ottobre 2014 - 18:10

Un capolavoro che rifarò quanto prima…i lievitati sono la mia passione!Un bacio!

 
Reply
Ely Mazzini 28 Ottobre 2014 - 20:36

Che meraviglia Assunta, questa brioche è bellissima e sicuramente squisita, complimenti!!!
Buona serata…

 
Reply
Chiarapassion 28 Ottobre 2014 - 20:52

Assunta hai fatto super bene a metterla è stra favolosa <3

 
Reply
Ilaria Guidi 29 Ottobre 2014 - 9:48

Poesia!!! Che spettacolo hai combinato? 🙂 Sei bravissimaaaaaaaaaaa ♥♥ E questo fiore di brioche salato è tutto da provare…
Ti abbraccio ♥

 
Reply
Raffi 29 Ottobre 2014 - 16:38

è stupendaaaaaaaaa!!! segno e provo!!!!

 
Reply
Mila 31 Ottobre 2014 - 10:09

Oltre ad essere buona nel gusto è davvero bellissima con tutti quegli intrecci!!!! Complimenti

 
Reply
Vica in cucina 28 Novembre 2014 - 20:30

Per me meritava anche il 1° posto (senza offesa per le ragazze che se lo sono aggiudicato.. Il tuo "Fiore Brioche" è molto bello, con tanta tecnica, brava Assunta!

 
Reply
Barbara Palermo 29 Novembre 2014 - 8:44

Complimenti, vittoria meritatissima!!!!!

 
Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.