Danubio campagnolo e un nuovo contest!

IMG_5635
IMG_5654Ho deciso di partecipare al contest di  Elifla, se ancora non lo conoscete,  andate subito a leggere di cosa si tratta, sono sicura che lo troverete divertente e stimolante quanto me! 🙂

Questo mese il bellissimo blog da visitare, e da cui attingere, è La cucina di mamma Loredana, dopo un’attenta visione di tutte le sue splendide ricette, la mia attenzione si è focalizzata su questo gustoso ed invitante Danubio campagnolo, sia perché i miei ragazzi sono Danubiodipendenti, sia perché mi sono accorta che è passato veramente troppo tempo da quando ho pubblicato un lievitato salato.
Dell’impasto non ho cambiato nulla, le dosi ad una prima lettura mi sono sembrate perfette…e lo sono, perché quello che ho ottenuto è un prodotto di incredibile gusto e sofficità!
Ho dovuto però modificare il ripieno (io adoro la verza, i miei ragazzi un po’ meno) sostituendo la verza con la scarola, che con gli altri ingredienti ha legato benissimo!! 😉IMG_5630

IMG_5655
La ricetta di Loredana

Ingredienti impasto
300 g farina manitoba
200 g farina 00
150 g latte (anche 160, 170, regolatevi in base all’assorbimento della farina)
3 tuorli + 1 uovo intero
8/10 g di sale
10 g di lievito di birra
40 g di zucchero
1 cucchiaino di miele
80 g di strutto
20 g di burroIngredienti ripieno
650 g di verza (scarola)
200 g pancetta tesa affumicata
mozzarella
100 g olive nere snocciolate
1/2 bicchiere olio EVO
2 spicchi d’aglio
sale e pepe

Per l’impasto, questo il procedimento che ho seguito io:
Versate tutta la farina nella ciotola dell’impastatrice con il lievito sbriciolato, a parte preparate un’emulsione con le uova, il latte, lo zucchero e il miele.
Azionate la macchina, versate a filo l’emulsione ed impastate fino a che l’impasto non risulta bene incordato.
Unite il sale, poi lo strutto e il burro morbido in più riprese, sempre aspettando il completo assorbimento prima di inserire il quantitativo successivo.
Riponete l’impasto in una ciotola, sigillate e lasciate lievitare in luogo caldo.

Per il ripieno:
Lessate la scarola in acqua salata per 15 minuti, scolatela, tagliuzzatela e soffriggetela nell’olio con l’aglio.
Aggiungete la pancetta tagliata a dadini, salate e insaporite con il pepe.
Unite le olive tagliate a rondelle e cuocete a fuoco lento per 10 minuti.
Sgonfiate l’impasto, formate le palline, mettete nel centro di ognuna un cucchiaino di ripieno e un pezzetto di mozzarella. Spennellate il danubio con tuorlo d’uovo mescolato a pochissimo latte ed infornate per circa 20 minuti. ( nel mio forno a 170°)

 

IMG_5629

 

Questa ricetta partecipa al The Recipe-Tionist di Febbraio

33 Comments

  1. Nooo…quella foto con la pallina lievitata…sei troppo troppo brava con i lievitati! insuperabile…ciao Ilaria

  2. Anche noi, danubio dipendenti, e vedere il tuo mi ha messo voglia di farne uno con scarola, olive, uvetta e pinoli… grazie dell'idea! Il tuo, è splendido…

  3. Assunta, è perfetto, ma non avevo dubbi conoscendo la tua abilità!!
    in bocca al lupo

    loredana

  4. Che bello!!ma sai che non l'ho mai mangiato?Praticamente dalla consistenza,sarebbe tipo un pan brioche salato giusto?Ancora complimenti ^_^

  5. buonissimo e bellissimo!!!!!!!!
    con questo ripieno avevo mangiato dei fagottini di pasta sfoglia!

  6. una traduzione perfetta!!! *_*

  7. Ormai ti tengo d'occhio… Quando incontro qualcuno che sa trattare i lievitati, difficilmente lo mollo! 😉

    Brava!

  8. La lievitazione e la consistenza di questo splendido danubio sono perfette. Approvo in pieno l'uso della scarola, trovo che nei ripieni salati sia il massimo. Bravissima come sempre cara

  9. Straordinario Assunta , son senza parole , e pure le tue foto son belle . Buona Giornata carissima

  10. che buono fa venir voglia di addentarlo

  11. Irrestibile ! Complimenti !

  12. Che delizia mia cara Assunta!!! E che foto magnifiche!!!
    Mi lasci sempre sorpresa.

  13. Anche a casa mia siamo"panbrioche o danubio dipendenti"
    Questo con le scarole mi piace assai.
    Carissima Assunta ti auguro una buona domenica.
    Un bacio

  14. ti devo bacchettare… ti sto ancora aspettando!!!

  15. Ho adocchiato la foto nel mio blogroll e mi sono detta: questa meraviglia non può essere che di Assunta! Bellissimo:)))

  16. Delizioso il tuo danubio e che ripieno insolito….baci

  17. Adoro il danubio, questo è splendido! 🙂 Buona domenica!

  18. Quanto è ghiotto Assunta, meraviglioso, complimenti cara!!!!

  19. Ma che bello! Certo che sei veramente la maga degli impasti! Vengono sempre tutti bellissimi!

  20. Mi ero persa gli ultimi post!
    che dire ASSUNTA sei fantastica quando arrivo quì mi si apre un mondo pieno di meraviglie.
    bacio

  21. Grazie a tutti!! :-))

  22. E' veramente buono ci credo che i tuoi ragazzi sono Danubio dipendenti ! Baci

  23. e davvero spettacolare il tuo danubio la lievitazione e estremamente perfetta … io non mi sono mai cimentata a questo ma prima o poi mi devo decidere a farlo…
    mi sono inserita tra i tuoi sostenitori cosi potrò seguirti..
    lia..

  24. mi piace tanto questa preparazione sia nella versione dolce che salata intanto questa la preparo per stasera…poi ti faccio sapere. un bacio e buona giornata!

  25. E tu vieni a parlarmi di perfezione: tanto di cappello a te e alla lievitazione di questo danubio, una favola, complimenti!
    A dire il vero io non ho capito molto di questo recipe-tionist, la testa è impegnata ad affrontare grossi problemi di salute in famiglia, vado a rivedermi con più attenzione come funziona ma se si vincesse qualcosa tu meriti di sicuro.
    A presto!

  26. io leggo i tuoi post e mi entusiasmo. Guardo le tue foto e mi commuovo. Sei oltre l'umana bravura. Straordinaria, davvero…

  27. Davvero meraviglioso, bello tutto, il colore, l'aspetto e poi il danubio e la scarola mi ricordano tanto la mia terra d'origine adesso un pò lontanuccia :D. Il tuo blog è splendido, bravissima.
    Un saluto Angela

  28. Buonissimo!!!!! Ma sei troppo brava e la variante con la scarola mi piace!!!1

  29. che bella questa cosa, come si chiama? Danubio campagnolo…solo il nome è poesia…vorrei che qualcuno me lo preparasse…ma magari ci provo io…mi attira troppo…Guarda che in ultimo ti ho aggiunta fra i miei preferiti, vieni a dare un'occhiata da me…mi eri sfuggita e non mi ero accorta di non essere fra i tuoi lettori, ma come mai???

  30. donatella

    ho fatto questo meraviglioso Danubio per una cena di compleanno e i miei ospiti erano in visibilio! al posto delle due farine però ho usato la Petra 1, quella per impasti lievitati e il risultato è stato ottimo. Grazie per la ricetta

  31. Cristina

    Ciao ma le uova non risultano un Po troppe?io l’ho sempr fatto con non più di 2 uova.il tuorlo per spennellarè è un ulteriore uovo?grazie cristina

  32. Cristina

    Scusa ma le uova non sono troppe o servono a dare sofficita all’impasto

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*